IL CLUB

Era il 1983 ed era appena passato un anno dalla scomparsa del mitico Gil Villeneuve, beniamino delle folle e dei tifosi della Ferrari in particolare, quando un gruppo di amici, appassionati di motori e tifosi Ferraristi, decidono di fondare un Club proprio dedicandolo all'idolo canadese.
Nasce così il Club Ferrari Gil Sieci registrato nell'albo ufficiale dei Club della Ferrari con il n. 311/83.
Da allora, dalle poche decine di appassionati iscritti, siamo adesso uno dei Club più numerosi d'Italia, con oltre 400 soci dei quali 50 possessori Ferrari. Ripercorriamo adesso alcune fasi salienti della storia del nostro Club.

Nel 1984, per la prima festa sociale, la Ferrari ci invia una Formula Uno in esposizione, è naturalmente un grande successo.
Da allora si sono succedute tante altre feste, visite allo stabilimento Ferrari e raduni come quello organizzato da Clay Regazzoni nel 1985 a Lugano che accolse tanti Ferrari Club Italiani. 
Fu un evento eccezionale, ma come tutte le cose belle, purtroppo non ebbe seguito.
In questo periodo però la Ferrari in F1 non va bene e per un motivo o per l'altro, non riusciamo ad avere soddisfazioni neanche con l'arrivo di piloti italiani, come Alboreto prima e Capelli poi. Comunque il Club promuove sempre nuove iniziative ed organizza presso la scuola elementare di Pontassieve un concorso di disegno fra gli alunni: il disegno vincitore è poi pubblicato nel libro “Piloti che gente” di Enzo Ferrari nell'edizione 1985.
Nel 1988 viene a mancare il fondatore e l‘artefice del mito: Enzo Ferrari.
Con la sua dipartita inizia la ristrutturazione dell'Azienda che impone cambiamenti anche ai Ferrari Club, come l'unificazione del logo e le limitazioni alle visite dello stabilimento.
Il Club però continua ad essere attivissimo e cerca nuove opportunità: seguiamo diversi Gran Premi, sia in Italia che all'estero; nel 1989 riusciamo ad avere la F1 156/85 di Alboreto alla festa sociale ad Incisa Valdarno (dove abbiamo un recapito di zona); nel 1991 nella splendida cornice di Villa Poggioreale alla Rufina, oltre al magnifico raduno di Ferrari, riusciamo ad avere la F1/89 di Mansell, rendendo questi due giorni memorabili...
Nel 1993 nell'occasione del 10° Anniversario di attività del Club, festeggiamo la ricorrenza fra la Sede di Sieci e Figline Valdarno, dove veniamo ospitati presso la caratteristica Antica Taverna Casagrande, nella quale esponiamo per l'occasione una F1 modello F1/90 ex Berger, come sempre messa a disposizione dalla Ferrari. Ancora nel 1993 per festeggiare i dieci anni del Club, riusciamo a farci ospitare alla collezione Obrist a Gstaad in Svizzera. Questa visita ci è particolarmente a cuore perché ci risulta che siamo stati gli unici a essere stati  ammessi. Questa collezione poi è stata acquistata da Bernie Ecclestone.
Nel 1994 visitiamo la Scuderia Minardi a Faenza: è un'esperienza notevole in quanto ci hanno permesso di vedere il reparto montaggio e la galleria del vento. 
In questo periodo viene cambiato ancora il logo del Club, come potete vedere qui a lato.
L'anno successivo, nel 1995, siamo in Francia a Mas du Clos per visitare una delle più prestigiose collezioni di Ferrari in Europa, che è quella di Pierre Bardinon ospitata in un magnifico Castello, con annessa una pista privata. 
Nel 1996 arriva Michael Schumacher a difendere i colori Ferrari: accettato inizialmente con un po' di scetticismo dai tifosi ferraristi, sono conquistati poi dal metodo di lavoro e dalle vittorie che riesce a conseguire, riportando il colore rosso sul podio, da cui mancava da troppo tempo...
Sempre in questo periodo viene costituito il Coordinamento dei Ferrari Club della Toscana, del quale siamo fra i fondatori e tuttora aderenti. Memorabili le feste di fine anno all'Autodromo Internazionale del Mugello, anche con mille persone a pranzo, durante le quali ci siamo distinti anche per le opere di beneficenza.
Per il 15° Anniversario di attività, siamo nel 1998, organizziamo a Pontassieve un imponente raduno oltre ad una mostra a tema Ferrari, dove sono esposti quadri e oggetti di notevole pregio.
Nel 2000 siamo nel circuito di Vallelunga a Roma per seguire e sostenere i piloti della Concessionaria di Zona che partecipano al "Campionato Ferrari Challenge 360": questo periodo coincide con le prime vittorie della Ferrari nel Campionato Costruttori, sfiorando con Michael Schumacher quello dei piloti.
Ma il successo pieno è rimandato per poco. Noi nel frattempo andiamo in visita a Modena alla Stanguellini e poi a Maranello a deporre una corona di fiori alla stele di Gilles Villeneuve, nella ricorrenza dei venti anni dalla scomparsa.
L'anno successivo, nel 2003, che coincide con il 20° Anniversario di attività del Club, iniziamo facendo visita alla Dallara Automobili a Varano de' Melegari, poi a Siena per una gara di Go Kart fra i Soci e successivamente ancora a Modena per visitare il Museo Maserati dei Signori Panini ed infine l'Acetaia Malpighi.
Il 2004, oltre la visita alla Lamborghini e di nuovo alla Galleria Ferrari, si conclude con l'ennesima vittoria di Michael Schumacher nel Campionato del Mondo Piloti F1 e della Ferrari in quello Costruttori, arrivando rispettivamente al quinto consecutivo per il pilota tedesco e al sesto consecutivo per la Ferrari.
Nel 2005 è nato, in concomitanza della nuova Denominazione del Club, il nostro Sito Internet ed abbiamo visitato il Museo Nicolis.
Nel 2006 ben tre apparizioni su Odeon TV, Visita alla Collezione “Maranello Rosso” di San Marino ed al Museo della Mille Miglia.
Il 2007, anno dei 60 Anni Ferrari, è stato l’anno dell’arrivo di Kimi Raikkonen al posto di Michael Schumacher. La Ferrari ed Iceman saranno Campioni del Mondo Costruttori e Piloti. Noi del Club abbiamo visitato la Ducati.
Anno 200825° Anniversario del Club, la Rossa trionfa nel Campionato Costruttori! Noi siamo tornati a visitare la Ducati e poi abbiamo fatto un Incontro con i Paracadutisti a Pisa.
Nel 2009 l’Evento “I Ferraristi e le Forze Armate” tra Pisa e Livorno e Visita alla “Collezione Righini” di Panzano (MO).
L’anno successivo Raikkonen lascia la Formula 1 ed arriva Fernando Alonso. Noi siamo andati in Visita alla Pagani Automobili ed all’Acetaia Malpighi.
Nel 2011 oltre ai consueti Raduni ne abbiamo fatto uno in Versilia.
Negli anni siamo andati a visitare la più importante Fiera di Auto d’Epoca d’Italia, la Fiera di Padova.
Nel 2012 siamo tornati a visitare la Dallara Automobili mentre l’anno successivo, il 2013è stato quello del 30° Anniversario del Club commemorato con una “Due Giorni” cui hanno partecipato l’Ingegner Mauro Forghieri, con la Presentazione del Suo Libro “La Ferrari secondo Forghieri” ed Artisti quali Marco Collini, Paquito Foster, Luciano Galli e Enzo Naso, che hanno messo a disposizione alcune loro Opere per una Mostra tenutasi presso il Palazzo Comunale di Pontassieve. Per l’occasione non poteva mancare una Monoposto di Formula 1, la 126 C4 dell’indimenticabile Michele Alboreto.
Nel 2014, in occasione del Weekend a Montegrotto Terme, abbiamo visitato la Carrozzeria “Nova Rinascente” di Dino Cognolato.
Nel 2015 arriva, al posto di Alonso, Sebastian Vettel, il Pilota tedesco che ai tempi del Go-Kart era già stato adocchiato da Schummy. Noi abbiamo partecipato all’Evento “Le Eccellenze Italiane” e presso la 46° Aerobrigata di Pisa abbiamo affiancato alcune Rosse agli Aerei dell’Aeronautica Militare.
In questi anni partecipiamo con Parate Apripista ad eventi come la Firenze-Fiesole e la Camucia-Cortona.
Nel 2016 visita al Museo Ferruccio Lamborghini di Funo di Argelato, Bologna.
Nel 2017 la Ferrari compie 70 Anni: noi abbiamo visitato la “Mazzanti Automobili” di Pisa e l’Officina “Faralli Restauri”. E’ stato anche l’anno del cambio di Presidente: a Carlo Mentelli, Presidente per oltre tre decenni, succede Enio Turrini.

Ed eccoci ora al 2018, sempre in pista, con questo Sito rinnovato nell’anno del nostro 35° Anniversario.
 
CONSIGLIO DIRETTIVO
Enio Turrini -  Presidente
Maurizio Mattioli -  Vice Presidente
Riccardo Innocenti -  Segretario
Stefano Aglietti -  Consigliere
Giuliano Bettarini -  Consigliere
Ezio Confalone -  Consigliere
Alberto Rindori -  Consigliere